Acquisti on line, Italia batte brand internazionali

29
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Ai tempi del Covid, gli italiani preferiscono privilegiare in termini di acquisti on line le realtà locali rispetto ai grandi gruppi internazionali: l’Italia vince la scommessa dell’e-commerce, secondo uno studio condotto da Sendcloud e Nielsen.
Il 44% degli italiani – si legge nella ricerca – ha acquistato di più e preferibilmente dagli shop online locali e nazionali, dimostrando un’attenzione e un attaccamento particolare alle realtà vicine al proprio territorio rispetto ai grandi gruppi internazionali.
La scelta degli italiani privilegia soprattutto quei comparti che stanno maggiormente emergendo in rete come food&grocery, arredamento e abbigliamento. Settori leader in ambito ‘made-in-Italy’ e per i quali si prevede probabilmente la crescita di fatturato ‘online’ più importante nei prossimi anni.
Il 59% del campione dichiara di essere convinto che probabilmente si assisterà a una crisi sistematica del commercio tradizionale, anche a causa delle misure di sicurezza che scoraggiano gli spostamenti da casa.
Le condizioni e i costi di spedizione di un prodotto giocano un ruolo fondamentale nel tasso di conversione di un e-commerce.
Gli italiani si dimostrano infatti molto più sensibili rispetto alla media europea, con il 69% degli intervistati che dichiara di abbandonare il carrello in caso di costi di spedizioni troppo elevati e/o condizioni di reso poco chiare, anche se sono ben disposti a pagare un extra per ricevere la merce il giorno successivo al checkout. Inoltre, sorprende la propensione di 8 italiani su 10 ad acquistare un prodotto in più per raggiungere la soglia minima per la spedizione gratuita. Sul fronte dei resi, il 52% dei consumatori in Italia non completa un ordine se la finestra è inferiore ai 30 giorni (il dato più alto a livello europeo). Queste sono le variabili più determinanti da porre sotto la lente di ingrandimento per le piccole, medie e grandi imprese che – conclude lo studio – decideranno di sviluppare e integrare un canale e-commerce con l’esperienza fisica, in grado di competere con le multinazionali del settore. (ANSA).