Agricoltura montagna, Rolfi: sarà al centro della programmazione agricola

9
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Assessore a Tremosine (Brescia) per tour tra i produttori d’alta quota insieme a Confcooperative

“Il futuro è legato a multifunzionalità, comunicazione e legame con il territorio e l’agricoltura di montagna è essenziale. Perché crea economia in zone difficili e previene il dissesto e lo spopolamento. Per questo sarà al centro della prossima programmazione agricola, con linee di finanziamento dedicate e premialità nei bandi”. Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, che, giovedì 29 luglio, è stato a Tremosine (Brescia) in Alto Garda per visitare alcune realtà produttive d’alta quota: Alpe del Garda e le aziende agricole Facchini e Prione.

Agroalimentare fattore di attrattività

agricoltura montagna programmazione agricola

“L’agroalimentare – ha aggiunto l’assessore – è un fattore di attrattività sempre più importante. I turisti cercano esperienze sensoriali e la scoperta di storia, sapori e tradizioni. Per questo vogliamo che le realtà agricole siano attrezzate all’accoglienza e nell’ambito comunicativo facendo rete e diventano ambasciatrici dei territori grazie allo sviluppo in chiave sostenibile”.

Vicinanza all’agricoltura di montagna

agricoltura montagna programmazione agricola

“Ringraziamo l’assessore Rolfi – afferma Fabio Perini, presidente di Confcooperative FedAgriPesca Lombardia – per la sua visita alla cooperativa Alpe del Garda e per la sua generale vicinanza alle realtà cooperative di montagna. La cooperazione è un attore essenziale per lo sviluppo del territorio. E questo è ancor più vero nelle aree di montagna, che spesso rappresentano l’unico modo di garantire l’attività di impresa. Questo grazie alla loro capacità di sviluppare sinergie, economie e affrontare insieme le difficoltà”.

La Cooperativa Alpe del Garda

La Cooperativa Alpe del Garda, costituita nel 1980, rappresenta tutt’oggi un punto di riferimento per tutti gli agricoltori dell’Alto Garda. Alpe del Garda, oltre al caseificio, nel quale vengono prodotti diversi formaggi, dispone anche di uno spaccio di vendita con annessa macelleria, di un magazzino vendita materiali per l’agricoltura, di un’azienda agricola di allevamento bovini e di due agriturismi. Realtà che impegnano la cooperativa in diverse iniziative come l’organizzazione di visite, attività didattiche e degustazioni.

Esempio virtuoso di cooperazione

“La cooperativa Alpe del Garda – ha concluso Marco Menni, presidente di Confcooperative Brescia – è un esempio virtuoso di quello che è il ruolo della cooperazione, soprattutto nelle aree di montagna. Ciò grazie alla sua capacità di coniugare la produzione di un’ampia gamma di formaggi tipici di qualità, alla cura del territorio e alle varie attività turistico-ricreative. Infatti è un punto di riferimento per il territorio. Nonchè promotore, allo stesso tempo, di molteplici processi di sviluppo”.