Bertolaso: ‘Dovevamo prepararci, rischiamo una Caporetto’

35
Guido Bertolaso e il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli visitano la Fiera di Civitanova Marche che sarà riconvertita in ospedale per terapia intensiva per i pazienti Covid, 17 aprile 2020. ANSA/ GIANLUIGI BASILIETTI
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

“Rischiamo una Caporetto e siamo solo ai primi di novembre: non abbiamo davanti i mesi estivi ma un lungo inverno e le complicanze legate anche all’influenza”: l’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso punta il dito sul modo in cui è stata affrontata l’emergenza Coronavirus.
“C’è un principio fondamentale per chi fa emergenza – ha spiegato in una intervista alla Prealpina – bisogna sempre preoccuparsi dello scenario peggiore, pensare alla catastrofe”.
E quindi “bisognava attendersi un’onda d’urto del Covid di questa portata, non solo a parole, e bisognava ingaggiare il personale, migliaia di persone per condurre la tracciabilità dei contatti” e invece “è saltato tutto”.
Il padre della Protezione civile Zamberletti “si starà rivoltando nella tomba di fronte agli errori che sono stati compiuti” ha aggiunto Bertolaso che si è occupato della costruzione in fiera a Milano per cui è stato anche criticato.
Per quanto riguarda invece il lockdown, ha osservato che “quando si è in emergenza bisogna avere il coraggio di decidere e bisogna avere l’autorevolezza per imporre sacrifici. Invece oggi – ha concluso – assistiamo in Italia a un patetico scaricabarile tra istituzioni. Il coraggio di prendere decisioni impopolari non c’è”. (ANSA).