Castello Visconteo Pavia

4
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Nel quadro del programma dedicato al dialogo tra città e arte
contemporanea, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Pavia organizza
presso il cortile del Castello Visconteo la mostra Fons vitae di Antonio
Ievolella dal 9 ottobre 2021 al 6 gennaio 2022. L’esposizione, che si
inserisce nel più ampio obiettivo che l’Amministrazione persegue in
ambito culturale e insieme urbanistico-ambientale – specie con il
progetto denominato Waterfront, dedicato alla valorizzazione di Pavia
quale città d’acqua -, sarà inaugurata sabato 9 ottobre, e si avvale
della cura scientifica di Virginia Baradel, Valerio Dehò, Andrea Del
Guercio.
L’allestimento ha come motivo ispiratore l’acqua e così i 30 otri di
terracotta su strutture di ferro in sospensione nel cortile del
Castello, sono dei veri e propri vasi, grembi che costituiscono la forma
plastica scelta dall’Artista quale motivo ricorrente delle
installazioni. L’otre diventa un dispositivo simbolico che allude
all’uomo e alla sua unicità e, in particolare, al monaco nel suo
silenzioso e volontario isolamento, pur all’interno di una dimensione
collettiva.
Dopo la tappa della mostra Fons vitae alla Certosa di San Giacomo a
Capri dall’ottobre 2020 all’aprile 2021, il Castello Visconteo di Pavia,
con le sue preziose stratificazioni culturali, materiali e immateriali,
si offre come interlocutore speciale per un dialogo con l’opera di
Antonio Ievolella che non mancherà di sorprendere: “il progetto si
arricchisce a Pavia di ulteriori valenze simboliche e di una
installazione particolarmente affascinante: dieci scudi di dimensioni
importanti che raccontano e contengono personaggi e vicende della storia
pavese. Il passato di capitale longobarda, gli Sforza e i Visconti,
Leonardo e naturalmente l’arca di Sant’Agostino, padre della Chiesa e
uno dei più grandi filosofi cristiani, sono momenti di un percorso che
trova nell’opera dell’artista una narrazione che ribalta il piano della
storia nella contemporaneità.” (V. Dehò).

La mostra
Questo progetto porta non solo qualità estetica dentro un luogo unico
come il Castello Visconteo, ma ribadisce il legame tra la memoria e
l’acqua come nutrimento della vita e della cultura. Pavia città d’acqua
e di tante memorie illustri, non poteva mancare in un percorso in cui il
meraviglioso incontra la realtà della storia. Il progetto di Antonio
Ievolella si inserisce perfettamente nel contesto ambientale del
Castello Visconteo, ma anche nel tessuto culturale di una città che
continua a trarre dal suo passato la forza e l’intelligenza di leggere e
costruire il proprio futuro.
Come sottolinea Virginia Baradel, “la città di Pavia possiede una
densità storica così ricca, intessuta di vicende e di simboli, da aver
sollecitato Antonio Ievolella a misurarsi con un embrionale recupero di
figurazione. Forse, nella maturità d’artista, questo approdo aspettava
di essere in vista; forse il desiderio precedeva l’avvistamento dello
splendore della città prediletta dai re longobardi, da monaci e
guerrieri, dagli Ordini e dalle milizie dell’alto medioevo. Un vero
thesaurus di gesta, di immagini, di pietre; un giacimento di echi e di
forme di sacro; un dominio vasto di memorie. […] A Pavia gli Scudi
assumono la potestà di tavole scrittorie unendo la forza espressiva
dell’originale scudo di legno e gli echi delle antiche tabulae. Dunque
un nuovo cimento per l’artista che incontra a Pavia la scultura
medievale.” Per gran tempo il lavoro di Ievolella ha tratto ispirazione
e materia dalla memoria; è sempre stato il passato più remoto,
ancestrale, impresso nelle materie, modellato dalle materie, suggerito
dai gesti elementari e vitali dell’impastare, infornare, tagliare,
forgiare, a istruire l’intenzione di germinare una nuova forma, una
nuova opera.
Così Andrea Del Guercio: “Sono nati in questa stagione preparatoria
dell’evento espositivo di Pavia, un nuovo Ciclo di Scudi, secondo un
processo che si arricchisce, rispetto ad esperienze del passato, di
valenze iconografiche maggiormente dettagliate e riconoscibili. Non si
tratta di un processo di ‘citazione figurativa’ ma di quella
‘rivisitazione antropologica’ che contrassegna da sempre il territorio
espressivo di Antonio Ievolella – secondo l’espressione antica di forza
del fare scultura. […] Tutta la cultura plastica di Ievolella, formale e
tecnica, di progettazione e di produzione, si ricompatta e si impone in
questo nuovo evento espressivo confermando quanto l’artista sia da
sempre un uomo della ricerca e del lavoro dell’arte.”

Biografia
Antonio Ievolella nasce a Benevento nel 1952. Dopo gli studi al liceo
artistico della sua città frequenta l’Accademia di Belle Arti a Napoli.
Nella città partenopea segue da vicino gli appuntamenti della galleria
di Lucio Amelio dove ha modo di conoscere i protagonisti delle
principali tendenze artistiche internazionali. Nel 1976 si reca a Milano
per insegnare al liceo artistico di Milano. È un periodo ricco di
esperienze e di grandi amicizie, prima fra tutte quella col conterraneo
Mimmo Paladino. Due anni dopo si trasferisce al liceo artistico di
Padova, città nella quale stabilisce residenza e studio. È del 1987 la
prima personale alla galleria Studio La Città di Verona da cui prende
avvio un importante e durevole sodalizio con Hélène de Franchis che
porterà le sue opere ad una visibilità internazionale.
Nel 1988 partecipa alla mostra Undici artisti per Villa Domenica, curata
da Virginia Baradel. In quello stesso anno Giovanni Carandente invita
Ievolella alla XLIII Biennale di Venezia, dove lo scultore presenta
Trittico nella sezione Scultori ai Giardini curata da Andrea del
Guercio. Quest’ultimo organizza, nello stesso anno, una personale
dell’artista beneventano alla galleria Oddi Baglioni a Roma. L’anno
seguente partecipa a Materialmente: scultori degli anni Ottanta alla
Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna. Gli anni Novanta sono un
periodo d’intensa attività. Si aprono con la mostra Viaggi – Antonio
Ievolella/Hidetoshi Nagaswa allo Studio La Città e si chiudono con
l’imponente complesso del cimitero di Rio di Ponte San Nicolò.
Nel mezzo vi è l’antologica Il Grande Carro a Padova, articolata in
sette sculture di grandi dimensioni installate lungo i principali snodi
della città. Nell’occasione un elemento di Terre di magia viene donato
al Parco Museo d’Arte Contemporanea dei Musei Civici agli Eremitani. Lo
stesso anno Edoardo Manzoni lo invita a partecipare all’esposizione Su
Logu de s’Iscultura a Tortolì in Sardegna: l’opera Progetto di memoria
manifesta un ulteriore sviluppo nei propositi monumentali del lavoro di
Ievolella. Questo orientamento trova naturale prosecuzione nel Parco
d’Arte Contemporanea della Fondazione Rossini, con cui lo scultore
stabilisce un rapporto di partnership continuativo, realizzando nel 2005
la mostra Itinerari nel parco di Monza. Il suggestivo complesso I
guardiani della dormiente, grandiosa anticamera al regno dei morti, è
inaugurato nel 2004, ma il progetto nasce alla metà degli anni Novanta,
grazie al dialogo instaurato con l’architetto Franco Biscossa,
responsabile dell’opera architettonica per il rinnovamento del cimitero
di Rio di Ponte San Nicolò.
Nell’estate del 2006 si svolge la personale Materia Forma Luogo,
promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli e curata da
Tommaso Ferrillo a Castel dell’Ovo, scenografia ideale per le sculture
di Ievolella. Del 2008 e 2009 sono le grandi fontane per una villa
privata di Battaglia Terme e per la piazza di Voltabarozzo. La
gestazione dell’imponente opera Ghirbe, presentata nell’estate 2014
nella chiesa dell’Incoronata a Napoli e riproposta a Padova
nell’antologica dello stesso anno, ha richiesto un lungo periodo di
ideazione e di lavoro ripagati dalla grandiosità plastica e simbolica
dell’installazione. L’Università di Padova ha acquisito le Ghirbe e le
ha collocate nella Cittadella dello Studente.
Alla Fornace Morandi a Padova dal novembre 2018 al febbraio 2019 ha
luogo la mostra “Occhi di luna” a cura di Virginia Baradel e Valerio
Dehò.

INFORMAZIONI MOSTRA

Titolo: Fons vitae
Sede: Castello Visconteo, Viale XI Febbraio, 35, Pavia
Periodo: 9 ottobre 2021 – 6 gennaio 2022
A cura di: Virginia Baradel, Valerio Dehò, Andrea Del Guercio
Catalogo: Grafiche Turato Editore
Testi in catalogo di: Virginia Baradel, Valerio Dehò, Andrea Del Guercio
Orario mostra: 10-18 (chiuso il martedì)
Biglietti: intero € 5,00; ridotto € 3,00 (under 18, over 70, gruppi,
singoli membri di soggetti convenzionati)
Gratuito per le scuole, under 6, possessori Abbonamento Musei Lombardia
Milano, soci ICOM, guide turistiche e giornalisti dotati di tesserino
professionale, disabili con un accompagnatore