COMO, ASSESSORE POLITICHE SOCIALI: A RODERO UNA CASA DAVVERO SPECIALE VISITA AL PROGETTO ‘FUNAMBOLO’ DI CANTÙ SOSTENUTO DALLA REGIONE

6
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

L’assessore regionale a Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità di Regione Lombardia oggi è stata in visita istituzionale in provincia di Como.

Prima tappa a Rodero per visitare ‘La Casa di Gabri’, la Comunità Socio-Sanitaria per minori con gravissime disabilità accreditata da Regione Lombardia.

 

“Si tratta – ha dichiarato l’assessore – di una struttura d’eccellenza, un modello innovativo di assistenza in un ambiente familiare e accogliente. I bambini ospitati a Casa di Gabri hanno bisogni sanitari molto complessi che richiedono la presenza continua di personale qualificato ma anche attento e disponibile dal punto di vista affettivo”. L’assessore ha portato il suo personale ringraziamento e quello di Regione Lombardia agli operatori e a tutti coloro che si adoperano quotidianamente, con professionalità e passione, per la cura di bimbi e ragazzi che sono in grado di regalare sorrisi preziosi e di trasmettere serenità anche quando le condizioni legate alla loro patologia compromettono in modo importante la vita quotidiana.

 

Quindi l’assessore, a Cantù, ha incontrato i ragazzi che partecipano al progetto Funambolo, beneficiario del finanziamento erogato nell’ambito del bando regionale ‘E-STATE E + INSIEME’.

 

“È sempre un piacere – ha commentato l’assessore – vedere che grazie al bando regionale, pensato per contribuire a supportare concretamente l’offerta delle attività che si rivolgono ai bambini e ai ragazzi, siano state realizzate tante belle attività sul territorio lombardo”. L’assessore regionale ha sottolineato come la collaborazione tra Comuni e realtà del Terzo settore abbia reso possibile l’organizzazione di tante iniziative volte ad accrescere il benessere dei minori e a favorire per le famiglie la conciliazione famiglia-lavoro.

 

Infine, l’assessore si è complimentato con l’Amministrazione comunale di Cantù e con tutti coloro che stanno lavorando per offrire ai bambini e ai ragazzi nuove opportunità di relazione, socializzazione e coinvolgimento in attività sportive e ricreative. (LNews)