Covid: Cia, parte la campagna #sostieniltuoagriturismo

18
epa08711999 A grape picker cuts Muscat grapes in a harvest bin in the vineyard at the 'Domaine des Hautes Collines' in Saint-Jeannet, Southern France, 01 October 2020. The 'Domaine des Collines' produces different types of wine from the organic IGP Alpes Maritimes. EPA/SEBASTIEN NOGIER
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Parte la campagna di promozione #sostieniltuoagriturismo per non perdere la sana abitudine di organizzare un pranzo o programmare un soggiorno in uno delle 24 mila strutture italiane, dove gustare piatti tipici del territorio e rilassarsi contribuendo al tempo stesso a mantenere viva l’offerta turistica nelle aree rurali. A lanciarla è Turismo Verde, l’associazione per la promozione agrituristica di Cia-Agricoltori Italiani con il claim “Non aspettare domani, prenota da subito un’esperienza unica in campagna”.

Scegliere di pranzare nella struttura agrituristica dove è ancora possibile andare o richiedere un voucher sul modello delle smart box per un pranzo, una cena, un soggiorno nel verde, un corso di cucina anche da regalare è un modo concreto per supportare un comparto che conta 100 mila addetti e che ha già perso nel 2020, a causa del Coronavirus, più di 600 milioni di fatturato su oltre 1 miliardo di euro annuo in media e oltre 295 milioni di presenze.

“E’ una campagna – spiega il presidente nazionale di Turismo Verde Cia, Giulio Sparascio – che rappresenta la forte volontà di mantenere attiva l’offerta di servizi nelle aree rurali, di non far spegnere quella luce che gli stessi agriturismi hanno acceso in tanti borghi italiani, creando negli anni un turismo sostenibile e lento costruito sull’esperienza e sull’economia delle relazioni umane, in connessione con paesaggio, cultura ed enogastronomia, favorendo percorsi di sviluppo locale e opportunità di lavoro soprattutto per i giovani. Tutto questo è ora messo a rischio dagli effetti della pandemia ed ecco perché, gli agriturismi hanno bisogno del sostegno di tutti, specialmente degli ospiti più affezionati”. (ANSA).