Intervista a Marie-Anne Gasnier – Delegato Generale della Fondazione Yves Rocher

38
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

A cura di Sara Esposito

-D: Da oltre 60 anni, Yves Rocher esplora il regno vegetale e attinge alla sua ricchezza per soddisfare il desiderio di bellezza. La natura come vera fonte di ispirazione…Perché avete deciso di impegnarvi e di agire concretamente? Come è nato Plant For Life?

-R: Posso rispondere alla sua domanda su Plant For Life perché è un’azione portata avanti dalla Fondazione. Plant For Life è stata creata dopo che Jacques Rocher ha incontrato Wangari Maathai a Nairobi nel 2007 e questo è stato un punto di svolta. Al fianco di questa donna fonte di ispirazione e determinata, vincitrice del Premio Nobel per la Pace, ha deciso di dare il suo pieno sostegno alla piantumazione di alberi…È stato l’inizio dell’avventura di Plant for the Planet, oggi Plant For Life.

   

-D: Qual è stata l’evoluzione del progetto a livello internazionale e in Italia? E quali sono stati i criteri di selezione delle regioni italiane per il progetto Plant For Life, fino alla Lombardia?

-R: Dal 2007 abbiamo piantato in 35 Paesi. In Sud America, in Africa occidentale e orientale, in Europa…Per noi tutti i progetti sono importanti perché localmente rappresentano sempre una questione tra l’uomo e la biodiversità che lo circonda. I nostri progetti partono da aree pilota per poi evolversi in programmi nazionali che oggi coprono gran parte di ogni Paese, come nel caso di Francia, Etiopia e Paesi Bassi. In Italia, ad esempio, abbiamo iniziato con un progetto pilota in Veneto e Lazio nella stagione 2020-2021, e a poco a poco il progetto si è ampliato: è attualmente presente in Veneto, Lazio, ma anche in Emilia-Romagna, Marche e nella provincia di Milano.

Ci affidiamo all’esperienza dei nostri partner locali, capaci di strutturare progetti di piantumazione a lungo termine e su larga scala in tutto il territorio e di garantirne il monitoraggio e la gestione. È un processo che ha richiesto diversi anni per raggiungere questo livello di maturità, ma questa è la forza del nostro programma: la nostra capacità di fare rete e di andare in sintonia con i nostri partner. Questo è anche ciò che stiamo cercando di attuare in Italia. Dal 2020 sosteniamo AVEPROBI* (Associazione Veneta Produttori Biologici e Biodinamici) e il suo partner locale Co.Ge.V. (Cooperativa Gestione Verde), che sono le strutture locali che accolgono e selezionano i beneficiari del progetto, strutturano l’azione sul campo, forniscono il supporto tecnico e si occupano anche del monitoraggio.

Naturalmente, sosteniamo anche iniziative più piccole in altri Paesi. In questi casi, la nostra portata potrebbe essere più ridotta, ma cerchiamo sempre di favorire i partner locali e di aiutarli a crescere.

Ad oggi, abbiamo collaborato con 48 ONG, con più di un milione di piantatori sul terreno ed è grazie a queste partnership operative che abbiamo piantato 119 milioni di alberi.

Continueremo a piantare, ma intendiamo anche unire e sostenere le comunità attorno a progetti agroforestali, promuovere progetti di riforestazione e conservazione delle foreste, nonché sensibilizzare e stimolare azioni locali di (ri)connessione con la natura e con gli alberi nelle comunità di tutte le età.

*Una parola su AVEPROBI: Composta principalmente da agricoltori, conta attualmente oltre 400 membri. L’associazione rappresenta le regioni e i comuni e promuove progetti per la tutela della biodiversità, la ricerca di varietà adatte all’agricoltura biologica e il recupero delle varietà locali. È assistita nella fase di progettazione, nella direzione dei lavori e nella realizzazione dei corsi di formazione dal partner locale Co.Ge.V.

-D: Avete pensato o state progettando iniziative di educazione all’ecosostenibilità e all’ecologizzazione per gli adulti ed eventualmente anche per i più piccoli, che rappresentano il nostro futuro e quello del nostro pianeta?

-R: Naturalmente, in molti dei nostri progetti attivi, le attività con i bambini e i giovani sono sviluppate in modo trasversale, perché fanno parte delle attività proposte dalle ONG nell’ambito dei loro progetti di piantumazione. Ad esempio, in Togo, piantiamo in agroforesteria, ma molti alberi sono piantati nelle scuole e studenti e insegnanti partecipano attivamente. Anche in Messico, Madagascar ed Ecuador abbiamo progetti agroforestali e, in entrambi i casi, nelle scuole ci sono vivai e giardini, strumenti educativi fondamentali per sensibilizzare i bambini, gestiti dagli insegnanti.

In Francia, sosteniamo direttamente un’associazione che realizza progetti agroforestali con i più piccoli, con l’obiettivo di mettere in contatto bambini e agricoltori, in modo che i bambini imparino a conoscere l’agricoltura e partecipino a una campagna di piantumazione di siepi. Questi sono solo alcuni esempi, ma la nostra intenzione è che a lungo termine ogni progetto che sosteniamo abbia questo aspetto di sensibilizzazione dei più giovani.  Vogliamo anche rendere i giovani partecipi e coinvolgerli nel campo della semina e del progetto. Sono loro gli eredi del mondo che verrà e la loro partecipazione è la chiave per plasmare il futuro, il loro futuro.

-D: Quali sono gli obiettivi a breve e a lungo termine che la Fondazione Yves Rocher si propone? E qual è la definizione in cui vi rispecchiate e che più vi rappresenta?

-R: Il nostro obiettivo principale: continuare a sostenere gli attori impegnati nel campo dell’impianto, della conservazione e del ripristino degli alberi. A tal fine, intendiamo unire e sostenere le comunità attorno a progetti agroforestali, promuovere progetti di riforestazione e conservazione delle foreste, nonché sensibilizzare e incentivare azioni locali di (ri)connessione con la natura e con gli alberi nelle comunità di tutte le età.

La nostra ambizione è quella di essere gli artigiani di relazioni più fraterne tra uomini e alberi. Sostenere e valorizzare progetti di qualità e attori con un impatto reale, questo è il nostro marchio di fabbrica. Solo la forza del collettivo ci permetterà di essere più forti e più resistenti per affrontare le sfide del cambiamento climatico.

 

 -D: Purtroppo la deforestazione è un’emergenza che incombe soprattutto nei mesi estivi anche nel nostro Paese, quali sono gli effetti più gravi sull’ambiente e perché avete scelto questo focus per le vostre iniziative?

-R: La deforestazione porta alla distruzione degli ecosistemi, con conseguente frammentazione e scomparsa degli habitat naturali. Le conseguenze negative sono molteplici: l’interruzione del ciclo dell’acqua, l’erosione del suolo e di conseguenza siccità e desertificazione, la distruzione degli habitat naturali che minaccia l’80% della biodiversità terrestre. La deforestazione porta anche all’emissione di CO2, contribuendo al cambiamento climatico e la perdita della copertura forestale ha un impatto sul clima e sul microclima locale oltre che, naturalmente, sulle comunità locali…

Tuttavia, è scientificamente provato che le foreste svolgono un ruolo fondamentale nei principali equilibri del pianeta, come la regolazione del clima, il contributo al ciclo dell’acqua, la protezione e il mantenimento della qualità del suolo, la casa di molte specie vegetali e animali, il serbatoio di una ricca e preziosa biodiversità, la fonte di cibo e di materiali da costruzione per l’uomo. Abbiamo piantato 119 milioni di alberi e il nostro contributo è solo una goccia nell’oceano, ma questa causa è appoggiata da decine di migliaia di sostenitori e il nostro desiderio è quello di incoraggiare e sensibilizzare il maggior numero possibile di persone su questo tema fondamentale per le generazioni future.