Lombardia: accordo tra Sistema Impresa e Regione su politiche attive lavoro

78
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Nel quadro delle azioni condivise all’interno del Patto per lo Sviluppo, Sistema Impresa, insieme alle organizzazioni datoriali e sindacali più rappresentative ha siglato ieri con Regione Lombardia l’accordo per potenziare gli strumenti di politica attiva destinati a sostenere il mercato del lavoro investito dalla crisi del Covid. “Abbiamo dato il nostro sostegno – commenta Berlino Tazza, presidente della Federazione lombarda di Sistema Impresa e della Confederazione nazionale – perché l’accordo mette disposizione nuove e ingenti risorse oltre a potenziare gli strumenti per le imprese e i lavoratori. La discussione all’interno del Patto è stata come sempre proficua, aperta e suffragata dai dati oggettivi”.

 

“Le aziende lombarde – continua il presidente di SI Lombardia – hanno espresso, al 6 ottobre 2020 e per la sola cassa integrazione in deroga, 118.646 domande. Una richiesta che ha coinvolto 83.851 imprese e 378.651 lavoratori. Nella prima parte del 2020 il numero di nuovi rapporti di lavoro dipendente si è drasticamente contratto soprattutto in riferimento nella variante a termine. Inoltre, è da considerare il pericolo di una ulteriore riduzione dei posti di lavoro quando sarà rimosso il blocco dei licenziamenti. Fin da subito over 55 e giovani di qualificano come le categorie più vulnerabili ma è tutto il mercato del lavoro ad essere a rischio”. “Le integrazioni sul piano delle risorse e delle azioni concrete – sottolinea Tazza – hanno correttamente interessato i principali strumenti varati da Regione Lombardia per affrontare la crisi del Covid sul fronte delle politiche attive: Dote Unica Lavoro, Garanzia Giovani e Azioni di rete”.

fonte adnkronos