Lombardia, visitatori e incassi musei in calo del 75%

7
People enjoy a sunny day on Garda Lake, in Sirmione, northern Italy, 24 May 2020. Several countries around the world are easing COVID-19 lockdown restrictions in an effort to restart their economies and help people in their daily routines after the outbreak of coronavirus pandemic. Ansa /Filippo Venezia
Agenzia immobiliare Milano vendita acquisto case immobili di pregio

Nel corso del 2020 i visitatori e quindi le entrate da bigliettazione dei musei ‘riconosciuti’ da Regione Lombardia, sono crollati del 75% rispetto al 2019, come conseguenza diretta dei vari lockdown che hanno ridotto in media ad appena a 110 i loro giorni di apertura. È quanto emerge da un’azione di rilevamento dei dati su 188 musei, promossa dall’assessore regionale alla Cultura, Stefano Bruno Galli.
“È una situazione davvero pesante. I numeri – commenta l’assessore Galli – peraltro in linea con la tendenza nazionale ed europea, dimostrano l’impatto devastante che le restrizioni connesse al contenimento pandemico hanno prodotto sull’intero comparto museale. Regione Lombardia, come sempre, sarà in prima linea per garantire la ‘ripartenza’ sostenendo, per quanto di propria competenza, queste realtà”.
Il totale rilevato nel 2020 è di 1.962.253 visitatori (rispetto al 2019 si registra una perdita di quasi 6 milioni di unità). Quanto alle entrate economiche ‘da bigliettazione’, nel 2020 i musei di competenza regionale rilevano un incasso complessivo di 6.977.325 (a fronte degli oltre 26.450.000 di incassi nel 2019).
“È opportuno sottolineare – conclude l’assessore Galli – che la crisi pandemica si è abbattuta su un settore, quello dei musei lombardi, che fino al 2019 era un treno in corsa in grado di registrare incrementi costanti in termini di entrate e visitatori, molto vivace per quanto riguarda le proposte culturali. Questa indagine fotografa con estrema precisione la ferita inferta al settore museale lombardo dal passaggio delle tre ondate pandemiche. Una ferita che oltretutto ha innescato rilevanti derive disgregative della socialità. Ora è il momento di ripartire, puntando tutto sul potenziamento dell’attrattività degli istituti e dei luoghi della cultura in Lombardia”. (ANSA).